martedì 19 maggio 2009

Sims e Wansley tornano in campo per celebrare la 'magica' Marr

INDIMENTICABILE davvero, quell'annata. Al punto che per riviverla degnamente, un quarto di secolo più tardi, si è costituito pure il comitato 'Marr Superstar 25* 1984/2009". Un gruppo di appassionati, la maggior parte dei quali con le tempie ingrigite per ovvi motivi anagrafici, stanno attivandosi a 360° per celebrare quella magica stagione che si concluse con la prima, storica promozione in A1 del Basket Rimini. Già individuata nel 12 settembre la data per il grande ritrovo: nel menù una partita - da disputarsi rigorosamente al Flaminio, il vero tempio della pallacanestro cittadina - tra quella favolosa Marr (Maurizio Benatti, Giorgio Cecchini, Giorgio Ottaviani, Gig Sims ed Ernest Wansley componevano l'inamovibile quintetto base, Luca Ioli, Giampaolo Paci, Vinicio Mossali, Umberto Coppari e Stefano Brighi erano i cambi, Alessandro Angeli e Danilo Terenzi i babies che completavano la rosa, con in panca il mitico Piero Pasini) e una selezione denominata Basket Rimini 'All stars' nella quale giocheranno, tra gli altri, alcuni '72 (Ferroni, Semprini, Ruggeri, Fontana...), Altini e, se gli impegni agonistici non si accavallano, Myers e Righetti. Oltre al match, verrà pubblicato un libro fotografico con immagini inedite dello scomparso Morosetti, istantanee impreziosite da aneddoti e curiosità, così come non mancherà una serata conviviale che avrà come protagonisti i beniamini di allora e il pubblico, quei tifosi che non hanno mai dimenticato la travolgente cavalcata tra i canestri di A2.

«ERA un gruppo fantastico, la vera forza era fuori dal campo», sostiene Giampiero Arcangeli, che è stato nominato presidente onorario del neonato comitato. Un'annata che cominciò in sordina e si chiuse trionfalmente, con quell'esodo in massa verso Vigevano, qualcosa come 18 pullman - più le auto private - che si riversarono nell'Oltre Po per assistere al match che spalancò le porte dell'A1 alla truppa del 'Paso'. Ricordi indelebili, stampati nella memoria di chi ebbe la fortuna di esserci: emozioni forti, con qualche brivido lungo la schiena anche adesso, rivedendo le sgranate e buie immagini del dvd che racconta l'impresa, quei mesi ricchi di adrenalina, col Flaminio che era troppo piccolo per contenere la smisurata passione che la Marr seppe accendere.

Alberto Crescentini

Post più popolari

Seguici via Email!